Gugù di Alberto Manzi, il murales

gugù
Il vecchio, raggiunto il muro, si tolse dalle spalle il grosso zaino, gettò in terra l’enorme bisaccia della colazione, tirò fuori dallo zaino dei barattoli di vernice, un pennello, un pezzo di carbone. Il cane si sdraiò sullo zaino ornai vuoto mentre l’uomo cominciò a tracciare, con il carbone, dei segni sul muro.

Continua a leggere