Presentazione Grillobook – incontro con il Messico

Racconti, immagini e cibo per un assaggio delle tante culture che compongono il Messico a BiblioMondo. Domenica 21 ottobre alle 18:00 il Centro il Mondo in una Stanza 2 ospita un incontro con Simona Fantauzzi e Alessandro Parente, due giovani della Marsica che hanno vissuto per un lungo periodo in Messico a contatto con molte comunità indigene. Una scelta di racconti e foto accumulati sono ora raccolti in un libro, El Grillobook, che sarà stampato con il contributo di quanti vorranno sostenere il progetto. Cliccare qui per raggiungere la pagina del crowdfunding e prenotare una copia.

Ci aiuterà ad approfondire i contenuti del progetto Andrea Buoninfante, scrittore e musicista.

Al termine invitiamo tutti gli amici a partecipare ad un momento conviviale prenotando la cena ispirata a sapori messicani (contributo € 10, bambini fino a 11 anni € 4).

L’incontro è un’anteprima del progetto OFFICINA DELLE ARTI, proposto dalla Coop Bubusettete e dalle Associazioni Stazione Musica e il Mondo in una Stanza, che prevede proposte di musica, teatro, libri, cinema e incontri ricreativi nel corso dell’anno.el grillobook

Di seguito una breve introduzione all’avventura di Simona e Alessandro:

Ne è passata di strada sotto le gomme del Grillo, il nostro bus di 11 metri trasformato in casa e studio fotografico. In tre anni abbiamo percorso il Messico da nord a Sud e ritorno. Abbiamo visitato molte realtà simbolo della enorme diversità del paese. Dopo un soggiorno nella sorprendente Tijuana, in cui ci siamo concentrati sulle comunità migranti, ci siamo diretti a sud dove abbiamo ammirato il primo esempio di diversità a 360 gradi: la cultura Com Caac, della costa di Sonora, una vera e propria nazione con diverse leggi, costumi, tradizioni e lingua.
Piú a sud siamo stati in compagnia dei Mayo e degli Yaquis, li abbiamo accompagnati nei loro rituali in cui si travestono da cervo o da coyote e ne imitano i movimenti.
E cosí via verso sud il Grillo ci ha portati ad esplorare altre diversità che rappresentano vere e proprie oasi in questo mondo globalizzato.

Passavamo giorni e giorni in attesa di prendere la giusta confidenza con le persone, per poi sfoggiare la nostra macchina fotografica a soffietto artigianale e scattare qualche ritratto. Ne sono nati momenti bellissimi, in cui dai bambini agli anziani tutti studiavano questo singolare strumento, ci seguivano nei passaggi in camera oscura e si divertivano nel vedersi capovolti.

Le persone che hanno posato di fronte al banco ottico sono rimaste immobili per tempi di circa venti secondi. Veniva loro chiesto di concentrarsi sul loro popolo, sulle loro lotte e sul loro futuro. Alla fine la lastra al collodio umido era subito pronta, una stampa di argento su vetro unica, un “Ambrotipo”.

Gli Ambrotipi che abbiamo raccolto in tre anni sono numerosi e di forte impatto, cosí come il materiale fotografico digitale e i testi, tra interviste, reportage e storie di viaggio vissute in compagnia di molti altri viaggiatori che hanno abitato El Grillo.

Sin dall’inizio del viaggio avevamo l’idea di realizzare un libro, e finalmente eccolo qua: El Grillobook!

Per stamparlo abbiamo bisogno del vostro supporto, di chi ci ha seguiti nel viaggio e chi ci ha appena conosciuti ed è interessato alle nostre storie, a cosa significa vivere in un autobus e condividere tutto con il bellissimo popolo messicano.

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento